16 Agosto 2023
9:00

Art. 2803 c.c., Riscossione del credito dato in pegno

L'articolo 2803 del Codice Civile dispone in ordine alla "Riscossione del credito dato in pegno". La norma viene inserita all'interno del Libro VI, Titolo III, Capo III, Sezione III del Codice Civile.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Lexplain
Art. 2803 c.c., Riscossione del credito dato in pegno
Dottoressa in Giurisprudenza
Immagine

L’art. 2803 del Codice Civile, di cui alla Sezione III, Capo III, Titolo dispone che:

“Il creditore pignoratizio è tenuto a riscuotere, alla scadenza, il credito ricevuto in pegno e, se questo ha per oggetto danaro o altre cose fungibili, deve, a richiesta del debitore, effettuarne il deposito nel luogo stabilito d'accordo o altrimenti determinato dall'autorità giudiziaria. Se il credito garantito è scaduto, il creditore può ritenere del danaro ricevuto quanto basta per il soddisfacimento delle sue ragioni e restituire il residuo al costituente o, se si tratta di cose diverse dal danaro, può farle vendere o chiederne l'assegnazione secondo le norme degli articoli 2797 e 2798”.

La disposizione pone la differenza di disciplina applicabile al pegno che grava sui crediti, ciò a seconda che il credito garantito sia o meno scaduto e a seconda dell'oggetto del pegno stesso.

Si segnala la seguente sentenza:

Corte di Cassazione, Sezione I, Civile, Ordinanza 1 febbraio 2018, n. 2503

"In caso di fallimento del debitore, il creditore pignoratizio cui sia stato accordato di provvedere autonomamente alla riscossione dei titoli concessi in pegno alla scadenza e di impiegare gli importi riscossi nell'acquisto di altrettanti titoli della stessa natura, restando tuttavia gli importi riscossi e i titoli con essi acquistati soggetti all'originario vincolo di pegno regolare, non ha diritto di ottenere dal giudice delegato lo “svincolo” dei medesimi titoli, poiché la facoltà di disporre degli stessi è attribuita al creditore, ex art. 1851 c.c., soltanto nel pegno irregolare".

Avatar utente
Virginia Sacco
Dottoressa in Giurisprudenza
Laureata in Giurisprudenza presso L'Università degli Studi di Napoli - Federico II, ho poi concluso la pratica forense in ambito penale. Seguendo le mie passioni mi sono specializzata in Intelligence istituzionale presso SIOI di Roma e in Diritto dell'Unione Europea presso il mio ateneo di origine. Nel corso della mia formazione ho partecipato a eventi, attività e progetti a livello europeo e internazionale, approfondendo i temi della cooperazione giudiziaria e del diritto penale internazionale. Su Lexplain scrivo di diritto con parole semplici e accessibili.
Sfondo autopromo
Segui Lexplain sui canali social