video suggerito
video suggerito
20 Maggio 2024
13:00

Passaporto alle Poste, da luglio rilascio e rinnovo in tutta Italia: come richiederlo, quanto costa e cosa serve

La richiesta di rilascio e rinnovo passaporti sarà possibile recandosi in tutti gli uffici postali d’Italia a partire da luglio 2024. Il progetto Polis si allarga a tutto lo stivale.

9 condivisioni
Passaporto alle Poste, da luglio rilascio e rinnovo in tutta Italia: come richiederlo, quanto costa e cosa serve
Dottoressa in Giurisprudenza
Passaporto alle Poste, da luglio si arriva in tutta Italia

A partire da luglio il servizio di rilascio e rinnovo passaporti si estenderà a tutti i 13 mila uffici postali italiani. Lo ha annunciato Giuseppe Lasco, il direttore generale di Poste italiane.

Entro fine maggio il servizio sarà attivo in 130 comuni.

Il merito dell’iniziativa è da attribuirsi al progetto Polis che, inaugurato dal PNRR già a partire dallo scorso ottobre e solo in alcuni uffici postali della provincia di Bologna.

L’obiettivo è di incentivare la partecipazione attiva e responsabile dei cittadini italiani alla vita pubblica del Paese, fornendo loro la possibilità di accedere a tutti i servizi necessari recandosi semplicemente alle Poste.

In pochi semplici passaggi, sarà possibile recarsi all’ufficio postale e richiedere il passaporto che sarà poi spedito direttamente a casa.

Ecco tutto quello che occorre sapere per poter chiedere il rinnovo e il rilascio del passaporto alla Posta.

Rinnovo passaporto presso gli Uffici postali: tutte le novità

Il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, ha annunciato finalmente l’avanzamento dell’impegno del Polis di Poste Italiane, rendendo accessibile a tutti i cittadini la richiesta di rilascio e rinnovo passaporti in tutti gli uffici postali d’Italia.

A partire dal prossimo luglio 2024, infatti, il rilascio del passaporto potrà essere richiesto e rinnovato recandosi presso Poste Italiane.

I tempi del caos passaporti stanno diventando un ricordo: le code di prenotazione sono già notevolmente ridotte grazie al servizio Agenda prioritaria che permette di ottenere il documento in 30 giorni, ma adesso si auspica una vero e proprio azzeramento dei tempi di attesa grazie anche all’opportunità di accedere al servizio passaporti presso l’Ufficio postale più vicino a casa propria.

Secondo Poste, la convenzione firmata con il Ministero dell’Interno e il Ministero delle imprese e del made in Italy, permetterà ai cittadini residenti o domiciliati in Italia nei Comuni di aprire la pratica di richiesta o rinnovo del passaporto presentando la documentazione direttamente allo sportello dell’ufficio postale, senza doversi recare in Questura, con la possibilità di ricevere il passaporto a domicilio.

Agli esordi, infatti, il servizio era attivo solo presso alcuni Comuni d’Italia con un totale di 7.000 Poste coinvolte, ma adesso sarà disponibile in tutta Italia e basterà attendere la conclusione dei necessari passaggi normativi.

E’ il caso di dire progressivamente addio alle distinzione tra piccoli e grandi centri, il passaporto alla Posta sarà attivo in tutta Italia e per tutti i cittadini.

Passaporto alla Posta, come farlo, quali documenti servono e quanto costa

Recarsi all’Ufficio postale e chiedere il rilascio e il rinnovo del passaporto è davvero molto semplice.

Sarà necessario recarsi alla Posta più vicina e consegnare all’operatore i seguenti documenti:

  • la carta di identità in corso di validità;
  • il codice fiscale;
  • 2 fototessere;
  • il pagamento del bollettino.

Il costo per ottenere il passaporto sarà di 42,50 euro per il bollettino ordinario + una marca da bollo da 73,50 euro.

Nel caso del rinnovo del passaporto, invece, occorrerà consegnare anche il vecchio passaporto.

Gli addetti allo sportello delle Poste saranno anche autorizzati a raccogliere le informazioni e i dati biometrici del cittadino (impronte digitali e foto) inviando successivamente la documentazione all’ufficio di Polizia di riferimento.

Una volta terminata la procedura, il richiedente riceverà il nuovo passaporto direttamente a casa.

Avatar utente
Virginia Sacco
Dottoressa in Giurisprudenza
Laureata in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli - Federico II, ho seguito le mie passioni specializzandomi prima in Intelligence istituzionale e, successivamente, in Diritto dell'Unione Europea. Nel corso degli anni ho preso parte a eventi, attività e progetti a livello europeo e internazionale, approfondendo i temi della cooperazione giudiziaria e del diritto penale internazionale. Su Lexplain scrivo di diritto con parole semplici e accessibili.
Sfondo autopromo
Segui Lexplain sui canali social
api url views