10 Febbraio 2024
9:00

Carta Cultura e Carta del Merito: cosa sono, a chi spetta e come fare domanda

La Carta Cultura giovani e la Carta del Merito hanno sostituito 18App. Si tratta di buoni spesa da 500 euro ciascuno e cumulabili tra loro, per incentivare l'arricchimento culturale dei 18enni. Ecco come ottenerle e la lista di cosa si può comprare.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Lexplain
55 condivisioni
Carta Cultura e Carta del Merito: cosa sono, a chi spetta e come fare domanda
Dottoressa in Giurisprudenza
Carta Cultura e Carta del Merito: cosa sono e come fare domanda

La Carta Cultura giovani e la Carta del Merito sono i due nuovi strumenti varati dal Ministero della Cultura, con lo scopo di fornire un utile strumento ai neo-maggiorenni nell’arricchimento culturale.

Le misure sono state introdotte grazie alla Legge di Bilancio 2023 e hanno sostituito l’ex Bonus Cultura 18app.

Il valore economico di ciascuna carta dedicata ai maturandi è di 500 euro cumulabili tra loro, le richieste possono essere fatte a partire dal 31 gennaio e fino al 30 giugno 2024.

Vediamo nel dettaglio cosa sono le Carte, qual è la platea di beneficiari e come fare domanda.

Carta cultura giovani e Carta del merito 2024 cosa sono

Il Ministero della Cultura, grazie al Decreto 29 dicembre 2023 n. 225,  ha deciso di ammodernare 18app e sostituirlo con nuove misure di arricchimento e sostegno culturale dedicate ai giovani che hanno compiuto 18 anni.

Stiamo parlando della Carta del merito e della Carta cultura giovani che vengono erogate sotto forma di voucher da poter spendere per mostre, teatri e altro.

Ciascuna Carta è generata attraverso una piattaforma informatica come buono spesa elettronico, associato al giovane mediante un codice identificativo.

In ogni caso, viene chiarito che le somme corrisposte grazie alle Carte non costituiscono reddito imponibile né rilevano ai fini ISEE.

Carta Cultura e Carta del merito: chi può ottenerle e i requisiti

Come visto, la Carta Cultura giovani e la Carta del merito sono corrisposte ai giovani nati nel 2005 che abbiano compiuto 18 anni a partire dal 1 gennaio 2023.

Ecco la platea dei beneficiari in possesso dei requisiti necessari per ottenere ciascuna carta:

La Carta cultura giovani è riconosciuta a:

  • residenti nel territorio nazionale in possesso, ove previsto, di permesso di soggiorno in corso di validità;
  • appartenenti a nuclei familiari ISEE fino a 35.000 euro;
  • assegnata ai 18enni e utilizzabile nell’anno successivo.

La Carta del merito può essere richiesta da:

  • residenti nel territorio nazionale in possesso, ove previsto, di permesso di soggiorno in corso di validità;
  • aver conseguito il diploma alla scuola secondaria di II grado con la votazione massima (per es. 100/100).

La Carta cultura giovani e la Carta del merito sono cumulabili tra loro, ciò significa che gli studenti che hanno conseguito la maturità con il massimo e che facciano parte di una famiglia con ISEE entro 35mila euro, possono ottenere entrambi i buoni spesa per un totale di 1.000 euro.

Come ottenere Carta Cultura e Carta Merito

La Carta del Merito e la Carta cultura giovani possono essere richieste in pochi semplici click in rete.

Sarà necessario accedere alla piattaforma ufficiale del Ministero della Cultura con le proprie credenziali digitali SPID oppure CIE a partire dal 31 gennaio e fino al 30 giugno 2024.

Una volta attivate, le Carte sono utilizzabili entro e non oltre il 31 dicembre dell'anno in cui gli studenti diciottenni si sono registrati, vale a dire che il buono spesa è valido per un anno a partire dal momento della richiesta.

Carta Cultura e Carta del Merito: cosa sono e come fare domanda

Cosa si può acquistare con la Carta del Merito 2024 e con la Carta cultura?

Le Carte hanno un importo pari a 500 euro ciascuna e che può essere destinato all'acquisto di alcune tipologie di beni e servizi.

Ecco la lista di cosa si può acquistare e come si possono usare la Carta cultura e la Carta del merito:

  • biglietti per rappresentazioni teatrali;
  • biglietti per il cinema e spettacoli dal vivo;
  • libri;
  • abbonamenti a quotidiani e periodici anche in formato digitale;
  • musica registrata;
  • prodotti dell'editoria audiovisiva, per esempio audiobook, documentari e programmi educativi;
  • biglietti per i musei, le mostre e gli eventi culturali;
  • biglietti per l’ingresso a monumenti, gallerie, aree archeologiche, parchi naturali;
  • corsi di musica;
  • corsi di teatro;
  • corsi di danza;
  • corsi di lingua straniera.

Sono esclusi dall’elenco i videogiochi, l’abbonamento per l’accesso a canali o piattaforme e video-corsi con finalità diverse da quelli di cui sopra.

Avatar utente
Virginia Sacco
Dottoressa in Giurisprudenza
Laureata in Giurisprudenza presso L'Università degli Studi di Napoli - Federico II, ho poi concluso la pratica forense in ambito penale. Seguendo le mie passioni mi sono specializzata in Intelligence istituzionale presso SIOI di Roma e in Diritto dell'Unione Europea presso il mio ateneo di origine. Nel corso della mia formazione ho partecipato a eventi, attività e progetti a livello europeo e internazionale, approfondendo i temi della cooperazione giudiziaria e del diritto penale internazionale. Su Lexplain scrivo di diritto con parole semplici e accessibili.
Sfondo autopromo
Segui Lexplain sui canali social